Clicca qui per modificare il titolo

Clicca qui per modificare il sottotitolo

News

LA RESPONSABILITA' DEGLI AMMINISTRATORI NELLE SOCIETA' DI CAPITALI - RESPONSABILITA' VERSO I CREDITORI SOCIALI

Pubblicato il 24 gennaio 2019 alle 08.00



Gli amministratori sono responsabili verso i creditori sociali per l’inosservanza degli obblighi inerenti la conservazione dell’integrità del patrimonio sociale, la quale non è dunque soltanto un obbligo nei confronti della società, ma assume rilevanza anche nei confronti dei creditori sociali.

Il legislatore stabilisce che i creditori sociali possono attivare un’azione di responsabilità verso gli amministratori per il danno loro arrecato, solo nel caso in cui il patrimonio sociale non sia più sufficiente a far fronte alle obbligazioni sociali, ovvero devono essere rispettati contestualmente due condizioni:

1) Gli amministratori devono aver violato o qualche precetto normativo, o qualche disposizione statutaria o il generale obbligo di diligenza, determinando una riduzione del patrimonio sociale;

2) Il patrimonio sociale, in virtù della riduzione del patrimonio sociale a causa dell’amministratore, non è sufficiente a far fronte alle obbligazioni della società e dunque a soddisfare i creditori.

Se da una parte è possibile che vi sia una responsabilità dell’amministratore verso la società ma non verso i creditori, non sembra invece ipotizzabile l’esistenza di un atto che possa essere fonte di responsabilità verso i creditori sociali ma non verso la società: in altro parole se viene richiesta la responsabilità da parte dei creditori sociali, può essere richiesta anche dalla società.

Concludiamo il paragrafo in questione, occupandoci della rinuncia o della transazione effettuata dalla società. Il legislatore sancisce due principi fondamentali:

  • L’irrilevanza della rinuncia effettuata dalla società verso l’azione di responsabilità nei confronti dell’amministratore. Il creditore sociale può sempre e comunque proporre azione di responsabilità contro l’amministratore, indipendentemente se la società ha rinunciato a tale azione;
  • La rilevanza della transazione effettuata dalla società con l’amministratore, verso l’azione di responsabilità proposta dal creditore sociale. Pertanto il creditore sociale non può proporre azione di responsabilità contro l’amministratore, se quest’ultimo ha transatto con la società.


HP CONSULTING SRL - COMITATO DI STUDI

Categorie: Diritto societario